Rivoluzione nel web: non più solo caratteri latini nell’alfabeto on line

La notizia è destinata a facilitare notevolmente la vita a quella parte di utenti online, che si stima intorno a 1,6 miliardi di persone, che quotidianamente scrivono e leggono in arabo, cinese oppure greco, indi o cirillico. L’Icann (Internet corporation for assigned names and numbers) infatti, ha approvato l’uso di indirizzi e domini web con caratteri non latini; fino ad oggi i domini ed indirizzi web erano limitati ai 26 caratteri dell’alfabeto latino impiegati nella lingua inglese, insieme ai caratteri numerici ed al trattino “-“. Continua